Gaza: un solo morto in tre anni su 2.300 interventi cardiaci.

Gaza – Infopal. Un medico palestinese ha dichiarato che solo un paziente su 2.300 dell'ospedale Europeo di Gaza è morto negli ultimi tre anni dopo aver subito un intervento cardiaco.
Secondo il dottor Mohammad Habib, consulente e capo del Dip. di Cardiologia dell'ospedale Europeo di Gaza, lui e il suo team hanno condotto in tre anni più di 2.300 interventi, e solo uno è andato male.
Queste dichiarazioni giungono a margine della cerimonia di premiazione a Gaza da parte del Ministero della Sanità palestinese che ha voluto riconoscere i meriti della squadra dei medici che lavorano nel reparto di Cardiologia e della direzione dell'ospedale Europeo di Gaza.
Habib ha aggiunto che dall'inizio del 2008, tenendo conto che l'unica apparecchiatura è rimasta fuori uso per più di sei mesi, sono stati eseguiti quasi 160 interventi cardiaci.

Egli ha sottolineato che il Ministero della Sanità a Gaza si sta muovendo seriamente per portare a Gaza un chirurgo cardiologo da fuori, così tutti i malati di cuore saranno curati nel Paese, senza problemi legati al viaggio e ai valichi di frontiera. Quest’iniziativa verrà inoltre sfruttata anche a livello accademico.
Si ricorda che la Striscia di Gaza è sotto stretto embargo da più di tre anni. Un embargo che impedisce alla maggior parte dei malati di recarsi all'estero per ricevere adeguate cure mediche, nonché l'ingresso nella Striscia di attrezzature sanitarie e di farmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.