GENOCIDIO A GAZA, 21° giorno di massacri: 1155 morti e 5200 feriti.

Gaza – Infopal, venerdì 16 gennaio, ore 18. Un missile israeliano si è abbattuto contro una casa del campo profughi di al-Bureij, nella Striscia di Gaza centrale: uccisa una madre e i suoi 5 figli.

Si tratta di Manal al-Badran, 30 anni, Wala, 12, Islam, 11, Bilal, 10, Izz- Ad-Din, 8, Ihsan, 7.

Il bilancio dei palestinesi uccisi oggi è salito a 34, mentre quello totale, dal 27 dicembre a oggi, è di 1.155 morti.

Ore 12: Aerei da guerra israeliani hanno bombardato un’auto vicino al centro di Gaza City e al National Hospital, testimoni confermano che il bombardamento ha provocato la morte di due persone e diversi feriti.

……….

Gaza – Infopal, ore 10. Continua per il 21° giorno consecutivo l’opera di genocidio israeliano contro la Striscia di Gaza. Il numero delle vittime è salito a 1135, mentre quello dei feriti a 5200, di cui 450 sono molto gravi.

Questa mattina, i carrarmati penetrati ieri nel quartiere di Taal al-Hawa, si sono ritirati all’interno dell’area della ex colonia di Nitsarim, lasciandosi dietro morti e feriti.

Gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato e distrutto una postazione della sicurezza, appartenente al ministero dell’Interno, nella città di Khan Yunes, a sud della Striscia.
I testimoni oculari hanno riferito che le forze di occupazione, prima di ritirarsi dal quartiere di Taal al-Hawa, hanno arrestato diversi cittadini, altri hanno confermato la presenza, sul posto, di diversi cadaveri.

Questa mattina, i soccorritori hanno prelevato più di 23 corpi da sotto le macerie.
Le forze di occupazione israeliane hanno bombardato a tappeto il quartiere di Taal al-Hawa, distruggendo molte case e trasformandone altre in postazioni militari e utilizzandone gli abitanti come scudi umani.

I bombardamenti sono proseguiti fino alle prime ore di questa mattina.

Ieri, Le forze di occupazione hanno bombardato l’ospedale al-Aqsa, a Taal al-Hawa, che ospitava 300 malati. La struttura ha preso fuoco e i pazienti sono stati evacuati in altri ospedali già strapieni.

Scontri tra la resistenza palestinese e le forze di occupazione sono stati registrati nel quartiere az-Zaitun, a sud-est della città di Gaza.

I devastanti bombardamenti di ieri hanno distrutto ospedali, la sede dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati -UNRWA – e sedi della stampa internazionale.
Gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato la torre ash-Sharq che ospitava diversi uffici di tv e agenzie stampa, tra cui la Reuters.

La resistenza palestinese si è opposta all’invasione di terra delle forze israeliane nelle zone di Taal al-Hawa, ash-Shujaiyah, a sud-ovest di Gaza e in altre aree ai bordi della Striscia.

Sempre ieri, l’aviazione ha bombardato l’ennesima moschea, la al-Abrar nella città di Rafah, e una casa nel quartiere as-Salaam, vicino alla frontiera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.