Genocidio israelo-statunitense a Gaza: 236° giorno. 6 massacri in 24 ore, con 75 morti e oltre 284 feriti. Bilancio: 36.171 morti e 81.420

Genocidio israelo-statunitense a Gaza: 236° giorno. 6 massacri in 24 ore, con 75 morti e oltre 284 feriti. Bilancio: 36.171 morti e 81.420
La diplomatica USA Nikki Haley firma i proiettili israeliani destinati a Gaza e al Libano con le parole “finiteli”.

Gaza-InfoPal. Mercoledì 29 maggio, la guerra genocida israeliano-statunitense sulla Striscia di Gaza, appoggiata dall’Europa e da regimi conniventi, è entrata nel 236° giorno. L’orrore israeliano contro la popolazione civile gazawi non si ferma, nonostante le risoluzioni delle Corti internazionali, la presa di distanza di molta parte dell’umanità dalle politiche genocide e di pulizia etnica di Tel Aviv e del ripudio del sionismo come forma nazifascista e di colonialismo di insediamento. Tuttavia, il regime israeliano, armato di versetti biblici e di delirante religiosità selettivo-elettiva suprematista e razzista, si comporta al di fuori e al sopra di ogni legge, trasformandosi così in un’entità paria tra le più disprezzate e condannate della Terra.

Mercoledì il ministero della Salute di Gaza ha dichiarato che, nelle ultime 24 ore, l’esercito di occupazione israeliano ha commesso sei massacri in diverse aree della Striscia di Gaza, uccidendo 75 civili e ferendone oltre 284, mentre un gran numero di vittime è ancora sotto le macerie di edifici bombardati o sulle strade.

Il ministero della Salute ha aggiunto che il bilancio delle vittime dei continui bombardamenti e attacchi israeliani, iniziati il ​​7 ottobre, è salito a 36.171 morti e a 81.420 feriti.

La Striscia di Gaza è sotto brutale bombardamento da quando il 7 ottobre è stata lanciata un’operazione transfrontaliera da parte dell’ala armata di Hamas, le Brigate al-Qassam.

Oltre al gran numero di vittime e all’enorme sfollamento di persone, cibo di base, carburante, acqua e forniture mediche sono esaurite per i 2,3 milioni di residenti di Gaza a causa del rigido blocco israeliano e della massiccia distruzione di infrastrutture e strutture.

(Fonti: Quds Press, Quds News network, PIC, Wafa, ministero della Salute di Gaza; Euro-Med monitor; credits foto e video: Quds News network, PIC, Wafa, ministero della Salute di Gaza e singoli autori).

Per i precedenti aggiornamenti:

https://www.infopal.it/category/operazione-spade-di-ferro-genocidio-a-gaza

https://www.infopal.it/category/ciclone-al-aqsa

https://www.infopal.it/category/palestina-media-e-geopolitica-approfondimenti-e-analisi