‘Gerusalemme est: i timori per i diritti umani’. Rapporto Ocha

New York – InfoPal. L'Ocha, l'ufficio Onu per gli Affari umanitari, ha pubblicato un rapporto dal quale emerge che un terzo di al-Quds (Gerusalemme) est è stato confiscato dalle autorità d'occupazione israeliane per espandere i propri insediamenti. Il dato si riferisce al periodo che va dall'occupazione israeliana del 1967 fino ad oggi. Un terzo di Gerusalemme corrisponde al 35%, mentre ai palestinesi gerosolimitani resta un 13%.

L'autore, Ray Dolphin, ha scelto il seguente titolo per il rapporto: “Gerusalemme est: i timori per i diritti umani basilari”, per descrivere una realtà in cui, a spese dei residenti palestinesi gerosolimitani, Israele ha favorito esclusivamente presenza e sviluppo dei propri coloni.

Durante la conferenza stampa a New York, l'autore ha definito quella di Israele, “politica deliberata“, con riferimento alle demolizioni di abitazioni palestinesi e alla negazione dei permessi edilizi.

“Oltre 2mila case palestinesi sono state demolite in 44 anni a Gerusalemme est e, parallelamente, Israele ha fatto sorgere colonie ovunque”.

Nelle conclusioni, Dolphin sostiene che “la colonizzazione di Gerusalemme costituisce un problema concreto perché, a fianco della terra, Israele confisca pure le sue risorse naturali che dovrebbero servire per lo sviluppo palestinese“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.