Gerusalemme: Israele annuncia di voler chiudere porta di accesso alla Moschea di al-Aqsa.

Gerusalemme – Pic. Il Giudice supremo palestinese, Taysir at-Tamimi ha accusato l’autorità di occupazione  israeliana di voler chiudere per ben due anni Bab al-Amod, uno degli ingressi principali che conducono alla Moschea di Al-Aqsa. Questo, in preparazione alla totale ebraicizzazione della città.

In una conferenza stampa svoltasi sabato, Tamimi ha parlato di una serie di atti nel processo di giudeizzazione della città.

Tamimi ha aggiunto che le forze israeliane hanno destinato 200 milioni di dollari per l’implementazione di una serie di progetti nella città aventi lo scopo di distorcere l’identità araba e islamica di Gerusalemme.

“Gli israeliani stanno accelerando il processo di ebraicizzazione attraversdo diverse misure tra cui l’esplusione forzata dei palestinesi gerosolimitani dalla città, la demolizione delle loro abitazioni con il trasferimento di decine di migliaia di ebrei”, ha avvisato Tamimi.

Nella città di Gaza, il ministro dei Beni Waqf, Talib Abu Sha'ar ha condannato le attività di Israele designandole come parte del percorso israeliano di giudeizzazione della città.

Sin dall’occupazione di Gerusalemme nel 1967, i vari governi israeliani si sono sempre impegnati a trasformare la città in direzione di un’ebraicizzazione. Lo hanno fatto adottando diverse misure tra cui l’imposizione di tasse più esose sui residenti palestinesi nel tentativo di farli allontanare dalla città volontariamente. Tuttavia, i palestinesi residenti di Gerusalemme affermano che resteranno ad ogni costo sulla loro terra.  

Notizia correlata:

Commissione islamo-cristiana: avanza l'ebraicizzazione di Gerusalemme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.