Gerusalemme trasformata in caserma per l’ultimo venerdì di Ramadan.

Gerusalemme – Infopal. Alla vigilia dell'ultimo venerdì del mese di Ramadan, le autorità d'occupazione israeliane hanno rafforzato i controlli nella città, dispiegando centinaia tra poliziotti e guardie di frontiera e trasformandola in una sorta di caserma a cielo aperto.

La polizia israeliana ha deciso d’imporre restrizioni all'ingresso dei fedeli nella Moschea di al-Aqsa per la preghiera del venerdì: ciò impedisce agli uomini con meno di cinquant'anni e alle donne con meno di quarantacinque di entrare nel complesso.

Fonti della polizia hanno annunciato lo stato d’allerta, allo scopo di “salvaguardare la sicurezza e l'ordine in occasione del Capodanno ebraico e della ‘Eid al-Fitr [la festa di fine Ramadan, ndr]”.
Tutto questo avviene in concomitanza con un cordone di sicurezza imposto dall'occupazione ai Territori Palestinesi. Il provvedimento ha impedito a migliaia di cittadini della Cisgiordania di raggiungere la città di Gerusalemme per pregare nella grande moschea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.