Gerusamemme, fallito il tentativo israeliano di confiscare un appezzamento di terra.

<!– /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0in; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} p {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:8.5in 11.0in; margin:70.85pt 56.7pt 56.7pt 56.7pt; mso-header-margin:.5in; mso-footer-margin:.5in; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

Gerusalemme – Infopal. Ieri, i cittadini palestinesi di Gerusalemme hanno sventato un tentativo di sequestro di terreni da parte di squadre dell’amministrazione israeliana, di una società denominata 'lo sviluppo di Gerusalemme Est', e di bande di coloni.

La superficie del terreno, pari a 7mila metri quadrati, si trova nel quartiere di Jabal az-Zaitun, nella Città Vecchia, e appartiene alle famiglie di Alqadmani, Nazzal e Abu al-Hawa.

Fonti palestinesi hanno riferito che i terreni presi di mira sono direttamente adiacenti ai focolai coloniali di 'Beit Orot', dove l’amministrazione israeliana ha tentato dicostruire strutture per i coloni.

Le fonti hanno sottolineato che gli abitanti del quartiere e i proprietari del terreno sono rimasti sul posto per evitare un ulteriore tentativo di sequestro.

Hatem Abdelqader, ministro per gli Affari di Gerusalemme, ha riferito di aver chiesto ai cittadini di rimanere sull'appezzamento di terra per impedire che i coloni e l’amministrazione possano entrarvi, e li ha invitati ad opporsi a qualsiasi tentativo di sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.