Giurista esorta la ‘Comunità internazionale’ a opporsi all’arresto dei bambini palestinesi.

Gaza – Infopal. Un giurista palestinese ha invitato tutte le associazioni che si occupano di diritti umani nella cosiddetta ‘Comunità internazionale’ ad assumersi la responsabilità morale e umana verso i bambini della Palestina “sottoposti ad arresti e a processi iniqui e che da adulti soffrono ancora per le conseguenze di tali arresti; quelli che continuano a languire nelle carceri dell'occupazione; e quelli che, arrestati da bambini, sono diventati adulti in prigione”.

Il giornale israeliano “Maariv”, il 4 novembre, ha riportato la notizia dell'apertura di un tribunale speciale per i bambini palestinesi, intitolando: “Dopo averli processati come gli adulti … s’inaugura un tribunale militare speciale per i bambini palestinesi”, definendolo “un salto di qualità nel mondo della giustizia militare israeliana, poiché esso somiglia al tribunale civile per i minori”.

‘Abd el-Naser Farawna, ricercatore esperto delle questioni dei prigionieri ed ex detenuto nelle prigioni israeliane, in un comunicato stampa ha invitato “a documentare metodicamente tutti i casi di bambini arrestati che hanno subito torture e ai quali sono state estorte confessioni con la forza, sulla base delle quali è stata poi disposta una condanna”.

Egli ha anche sottolineato la necessità di “fare giustizia risarcendo coloro che sono stati arrestati da bambini e hanno subito un ingiusto processo militare, proporzionalmente ai danni psicologici, fisici e sociali subiti a causa della loro detenzione illegale. Essi sono stati processati senza che venisse tenuto conto del loro essere minorenni, e sono stati condannati in base ad ammissioni estorte con minacce e ricatti”.

Farawna ha esortato tutte le istituzioni che si occupano di bambini a “porre particolare attenzione a questo problema, in ogni suo aspetto: l'arresto, la detenzione, le torture, le confessioni estorte con la forza, i processi ingiusti; senza limitarsi al mero risarcimento, bensì mirando a perseguire chi commette reati contro i bambini ed è perciò responsabile della rovina del loro futuro”.

Egli ha infine sottolineato la necessità di “unire gli sforzi per lanciare una campagna a tutti i livelli volta a far conoscere le pratiche degli occupanti israeliani verso le centinaia di bambini arrestati e chiedere la loro liberazione immediata, senza condizioni, e chiedere inoltre la liberazione di tutti coloro che, arrestati da bambini, sono stati condannati dai tribunali militari”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.