Giustizia by Israel: non sarà processato un ex comandante israeliano. Aveva assassinato 21 palestinesi a Gaza

Tell er-Rabi' (Tel Aviv) – Wafa'. L'ufficio della procura militare di Israele ha deciso ieri che l'ex comandante della Brigata Givati, Ilan Malka, responsabile dell'uccisione di 21 membri della famiglia palestinese as-Samouni, durante la guerra israeliana contro Gaza “Piombo Fuso” (2008-2009), non sarà processato. Lo ha riportato il quotidiano israeliano “Maariv”.

Malka è considerato responsabile di aver bombardato un edificio nel quartiere di az-Zaytoun, a Gaza, assassinando 21 palestinesi e ferendone altri 19.

Le indagini militari lo avevano ascoltato e Malka aveva detto di “non essere all'epoca a conoscenza della presenza di civili nel palazzo”.

Anziché processarlo, il pubblico ministero israeliano in carica si è limitato a richiamare Malka.

(Nella foto: alcuni membri della famiglia as-Samouni sopravvissuti al massacro, durante il funerale dei piccoli parenti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.