Gli investigatori israeliani tormentano il deputato ‘Abd ar-Razeq

 

Nablus – Pal-Info. Il parlamentare palestinese ed ex ministro delle Finanze 'Omar 'Abd ar-Razeq sta affrontando condizioni di vita molto difficili da due settimane, a partire, cioè, dal momento del suo arresto.

A fermare il deputato del Consiglio legislativo palestinese (Clp) è stata l'intelligence israeliana, che lo sta attualmente tenendo in custodia per interrogarlo nel centro di Jalma, nel nord della Palestina occupata.

Come ha riferito lui stesso in una lettera a Fuwad al-Khafsh, esperto di diritti dei detenuti, 'Abd ar-Razeq viene interrogato per quindici ore consecutive al giorno, privato del sonno e minacciato di essere condannato alla detenzione amministrativa.

Al-Khafsh ha inoltre rivelato che gli inquirenti hanno cercato d'intimorirlo affermando che, se non li avesse informati sulla natura del suo lavoro all'interno del Clp, avrebbero arrestato anche suo figlio.

Da parte sua, 'Abd ar-Razeq ha negato ogni accusa dichiarando di riservarsi il diritto di lavorare in quanto pubblico ufficiale legittimamente eletto. Ha quindi aggiunto di non riconoscere il tribunale militare israeliano.

A proposito del caso di 'Abd ar-Razeq e di altri suoi colleghi del Clp, il deputato palestinese Mushir al-Masri ha convocato ieri un'assemblea internazionale di parlamentari per trasformare “la condanna in azione”, e porre fine alle violazioni dei diritti dei politici palestinesi da parte d'Israele.

Al-Masri, che è anche presidente della Campagna internazionale per la liberazione dei parlamentari detenuti, ha inoltre scritto al segretario generale del Sindacato inter-parlamentare Anders Johnson, chiedendogli d'intervenire nei confronti dell'arresto di 'Abd ar-Razeq.

Nella lettera inviata a Johnson erano anche contenute alcune informazioni richieste da quest'ultimo in vista dell'assemblea di ieri, per discutere degli arresti ripetuti dei deputati Hatem Qufaysha, Mahmud ar-Ramahi, Nayef ar-Rajub, Khalil ar-Rib'i, Muhammad at-Tall e 'Omar 'Abd ar-Razeq.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.