GOVERNO HAMAS: TREGUA A CONDIZIONI ACCETTABILI

Gaza, domenica 1° febbraio

Angela Lano

Alla vigilia di un nuovo attacco alla Striscia, mentre Hamas continua a dichiararsi disponibile a siglare una tregua a “condizioni accettabili”, abbiamo incontrato il portavoce del governo della Striscia di Gaza, Taher an-Nunu.

Quali sono le vostre condizioni per la tregua con Israele?

Quelle che ripetiamo da tempo: aprire i valichi, porre fine all'assedio e alle aggressioni contro la popolazione. Loro, però, vogliono concederci solo un'apertura parziale.

Quali erano, secondo lei, gli obiettivi perseguiti da Israele durante le settimane di bombardamenti?

Distruggere Hamas e la resistenza, fermare il lancio di razzi, liberare il soldato Gilad Shalit. Direi che hanno perso: noi siamo ancora qui, più forti di prima. E Shalit è ancora a Gaza. Ciò che hanno ottenuto è un genocidio della popolazione civile e la distruzione di case, ospedali, scuole. Non sono riusciti ad annientare la nostra determinazione a essere liberi.

Tuttavia, in Europa, e in Italia, i media dicono che il sostegno popolare a Hamas è in forte calo…

(Ride) Al contrario! Ci amano più di prima, e non solo i palestinesi, ma ora anche gli arabi e i musulmani di tutti gli altri paesi. Per Hamas, a Gaza e in Cisgiordania, è un momento di grande seguito. La gente, nei paesi arabi e islamici pensa che solo Hamas sia in grado di liberare la Palestina e di fermare Israele. Ci ritengono capaci di proteggere i principi nazionali, a differenza della dirigenza di Ramallah, che lavora con e per l'occupazione. Molti di Fatah, qui nella Striscia, sono con noi e ci rispettano. Tutti sanno che i nostri leader hanno perso figli, la loro stessa vita, per la causa palestinese, al contrario di altri dirigenti…Comunque, noi sappiamo distinguere tra chi lotta per la Palestina e chi lavora per Israele…C'è una fazione che raccoglie soldi dagli Usa e collabora con l‘occupazione. Provate a chiedere alla gente chi preferisce: Haniyah (il premier della Striscia di Gaza, ndr) o Dahlan (il capo della fazione golpista di Fatah, espulsa da Gaza nell’estate del 2007, ndr) e sentirete cosa vi rispondono.

Come procede la ricostruzione degli edifici abbattuti durante i bombardamenti israeliani?

E' ferma. Non entrano i materiali per l'edilizia. Tuttavia, abbiamo iniziato ad aiutare la nostra gente, a distribuire denaro alle famiglie senza casa e con morti o feriti. Avremmo bisogno di un milione di euro. La cosa principale, ora, è che vengano riaperti i confini, per far entrare ciò che ci serve. I paesi arabi e islamici devono aiutarci a trovare i capitali per la ricostruzione. Se ci daranno i soldi direttamente, offriremo garanzie; se vorranno venire qui a costruire, per noi va anche bene, ma rifiutiamo qualsiasi condizione-ricatto proveniente da qualsivoglia donatore. Se pensano di offrirci denaro per poi cambiare il governo o tentare di distruggerci, fanno male i loro calcoli. Se pongono condizioni inaccettabili significa che vogliono imporci nuove forme di occupazione. Se l'intenzione vera è quella di sostenere il nostro popolo, chiunque venga qui è ben accolto.

Si parla di consegnare ad Abu Mazen ingenti capitali per la ricostruzione…

I soldi mandati a lui (tra l'altro, il suo mandato presidenziale è scaduto a gennaio) non arriveranno mai nella Striscia. Non abbiamo alcuna fiducia.

Un altro argomento in discussione è il “contingente internazionale” a Rafah. Cosa ne pensa?

Se parliamo di una presenza internazionale a Rafah, va bene. Se invece si tratta di una forza internazionale lungo in confini, la rigettiamo: si tratterebbe di una nuova forma di occupazione.

Sembra che Israele si stia preparando a un nuovo attacco…

Ha bisogno di altri morti per le elezioni che si svolgeranno la settimana prossima. Se attacca dimostra di non essere affatto interessata alla tregua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.