Gruppi della Resistenza: dura risposta ai prossimi attacchi israeliani.

Gaza – Infopal. Le fazioni palestinesi hanno dichiarato che qualsiasi futura escalation militare israeliana contro la Striscia di Gaza riceverà una dura risposta: lo hanno sottolineato due portavoce in un comunicato stampa diramato ieri, dichiarando: “Non rimarremo con le mani in mano davanti alla sistematica arroganza sionista”. 

Abu Mujahid, portavoce dei Comitati di Resistenza Popolare, ha affermato che la risposta sarà forte, come lo è stata in seguito alla recente escalation israeliana, e che sarà inoltre “concordata da tutti i gruppi impegnati nella Resistenza”. Per quanto riguarda i mezzi concreti, Abu Mujahid ha spiegato che verranno determinati in proporzione all’offensiva d’Israele, assicurando che i piani saranno studiati in modo accurato. 

Da parte sua, Abu Mohammed, leader delle brigate Abu ar-Rish, appartenenti al movimento di Fatah, ha ribadito: “Non rimarremo fermi davanti ad alcun attacco dell’occupazione”. Ha poi chiarito che “noi manterremo sia la nostra visione, che è quella della leadership del movimento, sia il piano che ci consentirà di affrontare l'occupazione in difesa della nostra terra e dei nostri luoghi sacri, e, come al solito, non deluderemo il nostro popolo. Rimarremo rivoluzionari della rivoluzione, e non rivoluzionari di passaggio”.

Abu Mohammed, tuttavia, ha accusato il movimento di Hamas di sequestrare le armi delle brigate: “Da quando ci hanno ritirato le armi, e impedito di combattere per la Resistenza, non riusciamo ad opporci all’occupazione; al di là di questo, però, non rimarremo impassibili davanti alle aggressioni israeliane contro la Striscia di Gaza”. 

Abu Yusuf, portavoce delle brigate an-Naser Salah ad-Din, ha invece dichiarato: “Abbiamo completato tutti i preparativi e le esercitazioni in previsione degli attacchi”, aggiungendo
che un'eventuale escalation israeliana aprirà una nuova Resistenza, con nuovi obiettivi. Il portavoce ha inoltre smentito l'esistenza di qualsiasi decisione che punti ad impedire a qualche fazione di combattere: in caso di attacco, assicura Abu Yusuf, tutti i gruppi della Resistenza si muoveranno all’unisono.

Una promessa di sostegno è giunta anche dal portavoce ufficiale delle brigate di al-Aqsa: “Nonostante le restrizioni subite (…) confermiamo il proseguimento delle nostre azioni militari di Resistenza contro l’occupazione in qualsiasi circostanza”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.