‘Guardie egiziane hanno ucciso e ferito prigionieri’. Il racconto di due ex detenuti palestinesi

Al-'ArabiyaIeri, 2 febbraio, Human Rights Watch (Hrw) ha chiesto alle autorità egiziane di aprire un'indagine per fare chiarezza sugli episodi avvenuti all'interno del carcere di Abu Za'bal quando due palestinesi erano fuggiti nel corso di un assalto delle guardie carcerarie. Hrw le sospetta ree di aver aperto il fuoco uccidendo alcuni dei prigioni in fuga e ferendone altri.

Il sospetto che ricade sulle guardie di Abu Za'bal è di un abuso di potere ed emerge dopo che l'organizzazione per i diritti umani ha ascoltato la testimonianza dei palestinesi ora liberi a Gaza, dove sono rientrati attraversando un tunnel alla frontiera con l'Egitto.

Ora Hrw chiede di indagare e di presentare la lista dei detenuti assassinati in detta circostanza.

Tra le testimonianze, vi è quella di 'Omar Sha'ath, di Rafah, arrestato e detenuto in Egitto perché sospettato di appartenere alle brigate del Jihad islamico.

Sha'ath ha raccontato che, una volta esplosi i disordini nel Paese, i detenuti avevano iniziato ad appiccare il fuoco nel tentativo di liberarsi.

“Altri prigionieri si trovavano all'esterno della prigione quando, da dentro, abbiamo provato ad attirare la loro attenzione. Poi, una guardia ha aperto il fuoco contro di me”.
“Il fuoco è proseguito senza sosta quando i compagni di prigione sono venuti in nostro aiuto dandoci una mano a tirare giù le finestre”.

L'organizzazione Hrw è venuta in possesso anche di un video registrato da un telefono cellulare.
“Nel video si vede chiaramente un detenuto all'interno del carcere, mentre si ripara in un angusto spazio, poi si sentono gli spari e si vede l'uomo sanguinare dall'orecchio tanto da non riuscire ad alzarsi”.

“Poi alcuni cecchini spararono massicciamente in direzione del 3° piano, proprio quello della sezione dei detenuti”, ha proseguito nel suo racconto Sha'ath.

La rivolta si è sedata naturalmente con la fuga delle guardie dal penitenziario.

In un'altra testimonianza, Mu'ttassem al-Qawqa ha riferito di essere uscito al mattino seguente e di aver trovato i familiari di alcuni detenuti accorsi a liberarli.

Come avea detto Sha'ath, anche al-Qawqa ha raccontato di aver visto 10-12 corpi per terra tra detenuti e manifestanti.

“In base ai Principi fondamentali Onu sull'uso della forza e delle armi, così come disposto dalla Legge sulle forze dell'ordine, le forze di sicurezza possono ricorrere al fuoco solo quando strettamente necessario per tutelarsi o quando la propria vita è in pericolo”, ha ricordato Hrw.

Il video di PressTv

(Nella foto: il carcere egiziano di Abu Za'bal il giorno degli scontri. Al-'Arabiya).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.