Guerra israeliana su Gaza: uccisi tre combattenti palestinesi. Le vittime sono 17 e i feriti 65

Gaza – Speciale InfoPal. Sale a 17 il bilancio delle vittime palestinesi dell'offensiva israeliana cominciata due giorni fa.
Questa mattina, l'artiglieria israeliana ha attaccato il territorio assediato colpendo a morte tre combattenti delle brigate di al-Qassam.

La catena di raid ha investito diversi punti in tutta la Striscia di Gaza.

In un attacco aereo contro il quartiere “as-Sultan” (Rafah) , un missile ha colpito in pieno l'automobile sulla quale viaggiava un leader di Hamas, Taysir Abu Sunaima insieme al suo assistente Mohammed Awaja. Entrambi sono morti all'istante. Il personale medico locale ha riferito che “i loro corpi sono arrivati in ospedale a brandelli”.

Un terzo combattente, Shadi al-Zatma, è rimasto gravemente ferito e subito è stato ricoverato all'ospedale. Fonti mediche locali ne hanno comunicato la morte clinica e hanno reso nota la presenza di un quarto combattente ferito, Ahmed Nabil az-Zaytouna.

La sequenza di attacchi di questa mattina:

– un'automobile senza persone a bordo è stata distrutta da un bombardamento aereo nei pressi della spiaggia di ash-Shawa, a est di Tuffah;

– un tunnel al confine con l'Egitto è stato colpito in pieno e distrutto;

– nel nord sono state colpite diverse strutture civili nel quartiere di ad-Daraj (Gaza City) e ingenti sono stati i danni, mentre a Jabaliya, i missili lanciati su via Iselia hanno provocato diversi feriti;

– a sud, è stato bombardato il quartiere di al-'Umur, a Khan Younes. Anche qui non si riportano vittime, ma pesanti perdite materiali.

Condotti tutti verso gli ospedali palestinesi Kamal 'Adwan e Yousef an-Najjar, i feriti diventano 65, 14 dei quali in gravi condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.