Hamas accusa Fatah per inadempienza ai doveri del Comitato delle Libertà

Gaza – InfoPal. Il Movimento di resistenza islamica, Hamas, è intervenuto a proposito dell’andamento della riconciliazione nazionale, criticando oggi Fatah di inadempienza agli impegni assunti nell’ambito del Comitato delle Libertà, organo preposto a seguire l’implementazione dell’accordo di unità nazionale.

Sami Abu Zuhri, portavoce del gruppo politico al governo di Gaza, ha così dichiarato, questa mattina, a mezzo stampa: “Nelle ultime 24 ore, gli apparati di sicurezza dell’Autorità palestinese (Anp) hanno arrestato otto esponenti, leader compresi, di Hamas. Ma sono centinaia i cittadini ordinari sottoposti alla politica degli arresti politici. E tutto ciò non coincide con gli impegni assunti nell’accordo di riconciliazione”.

Continua Abu Zuhri: “Vorrei mettere in chiaro che sono false le accuse a noi rivolte, secondo le quali alcuni membri di Fatah sarebbero stati arrestati negli ultimi giorni a Gaza. Invitiamo, anzi, i gruppi per i Diritti Umani a fare chiarezza e rendere noti gli esiti. Inoltre, una delegazione di membri del consiglio consultivo ha visitato Ramallah nei giorni scorsi.

“Mentre noi abbiamo disposto tutto per garantire la distribuzione a Gaza della stampa proveniente da Ramallah, i servizi segreti in Cisgiordania hanno impedito a quella prodotta a Gaza di essere distribuita a Ramallah.

Così dichiarando, vorremo dimostrare che noi siamo seriamente impegnati nella riconciliazione, mentre Fatah non fa la propria parte, e investe gran parte del tempo a lanciare accuse infondate”.

Per questo Abu Zuhri ha chiesto al Comitato delle Libertà di assumere posizioni più chiare, e di tenere in considerazione quali sono le parti che non dimostrano di impegnarsi nella riconciliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.