Hamas accusa la sicurezza dell’Anp dell’arresto di tre suoi membri in Cisgiordania

Al-Khalil (Hebron) – Infopal. Hamas accusa gli apparati di sicurezza dell'Anp di aver arrestato tre suoi membri nei governatorati di al-Khalil (Hebron) e Qalqiliya.

In un comunicato del 18 marzo, Hamas afferma: “Gli apparati di sicurezza dell'Anp hanno arrestato ad al-Khalil 'Isa Muhammad al-Hashalmun dopo aver fatto irruzione in casa sua, passata la mezzanotte. Inoltre, hanno arrestato l'ex prigioniero Muhammad Rashad al-Ja'bari, anch'egli in casa sua, sempre ad al-Khalil”.

Lo stesso comunicato riporta che a Qalqiliya l'Anp ha messo agli arresti, direttamente nella sua abitazione, Kamal Yasin, gravemente malato, già sequestrato dai medesimi apparati di sicurezza per un periodo di sei mesi.

A Ramallah, invece, l'ex prigioniero Fadi Hamad, già presidente del consiglio studentesco dell'università Bir Zeit, è stato convocato per la quinta volta da quando è stato liberato appena due settimane fa, quando si svolgeva una manifestazione per celebrare la fondazione di Hamas.

Gli apparati di sicurezza dell'Anp hanno lanciato una campagna di arresti contro centinaia di aderenti e simpatizzanti di Hamas, messi in isolamento per 80 giorni. Hamad è stato poi rilasciato a seguito di una decisione della Suprema Corte dopo un mese di galera, ma i suoi documenti e i suoi effetti personali restano nelle mani degli apparati dell'Anp, cosicché possono ancora obbligarlo a comparire tutte le volte che vogliono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.