Hamas e Jihad Islamico discutono della tregua. ‘Chi ci ha guadagnato è Israele’.

Gaza – Infopal. Fonti palestinesi hanno riferito che i due movimenti di Hamas e Jihad Islamico, la notte scorsa, hanno discusso della tregua, che termina fra due settimane, alla luce delle violazioni israeliane e del mancato rispetto delle sue clausole.

Le fonti hanno riferito che all’incontro svoltosi nell’ufficio di Ayman Taha erano presenti i dirigenti di Hamas – Khalil al-Hayyah, Jamal Abu Hashem, Ismail Radwan e Ismail al-Ashqar -, e i dirigenti del Jihad Islamico – Nafith Azzam, Daud Shihab, Khader Habib, Jamil Yusef e Ibrahim an-Najjar.

Al-Hayyah ha precisato che “la decisione finale sulla tregua deve ottenere il consenso nazionale e delle fazioni. Confermiamo il diritto di rispondere alle aggressioni dell’occupazione”.

Il dirigente del Jihad Islamico, shaikh Nafith Azzam, ha affermato: “Abbiamo discusso tutti gli aspetti della tregua: i punti positivi sono inferiori a quelli negativi. Il nostro popolo non ci ha guadagnato nulla, anzi. Chi ci ha davvero guadagnato è l’occupazione”.

Azzam ha aggiunto: “I dati sul terreno non incoraggiano il proseguimento del cessate il fuoco, a queste condizioni e in questa forma. Non c’è nulla che incoraggi a portarlo avanti. Esso è stata utile a Israele e non ai palestinesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.