Hamas ha smentito che gli scontri della notte scorse siano stati tra FE e Jihad islamico.

Il Movimento di Resistenza Islamica Hamas ha smentito che gli scontri scoppiati la notte scorsa siano avvenuti tra membri delle Forze Esecutive e del Jihad Islamico, e ha confermato che lo scontro si è svolto con una famiglia che “non ha rispettato la legge.

Hamas ha confermato che tra coloro che hanno sparato ci possono essere membri delle Brigate Al-Quds, ala militare del movimento del Jihad Islamico, ma che il problema “non è con il Jihad Islamico”.

Ayman Taha, portavoce di Hamas, ha dichiarato che “durante un matrimonio sono stati sparati in aria dei colpi molto intensi e che, a richiesta degli abitanti, sul posto si sono recate le Forze Esecutive. Anziché porre fine agli spari, dall’abitazione hanno iniziato a colpire le Forze Esecutive causando alcuni morti”. A seguito dell’incidente, i dirigenti di Hamas e del Jihad Islamico si sono riuniti, confermando che quest’ultimo non c’entra in tutta la vicenda. E hanno dichiarato che chiunque risulterà coinvolto negli scontri, sarà arrestato, perché ci sono dei morti.

Hamas ha aggiunto che le FE non hanno condotto “arresti per motivi politici”, ma che sono stati arrestati gli esecutori della sparatoria, senza tener conto del movimento di appartenenza.

Il Jihad Islamico ha espresso la disponibilità a consegnare le persone coinvolte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.