Hamas: ‘Le forze di sicurezza dell’Anp hanno arrestato dieci nostri sostenitori, tra cui due giornalisti’.

Ramallah – Infopal. Il Movimento di resistenza islamica Hamas nei territori occupati della Cisgiordania, ha accusato le Forze di sicurezza dell'Autorità palestinese dell'arresto di dieci suoi sostenitori (tra cui due giornalisti) negli ultimi due giorni. Tali arresti sono avvenuti nelle province di Gerusalemme, Nablus, Tulkarem e Qalqilya.

In un comunicato stampa, il movimento afferma: “Le forze di sicurezza dell’Anp a Tulkarem hanno arrestato per la quindicesima volta, dopo varie perquisizioni in casa sua, durante la settimana scorsa, il giornalista Mohammad Eshtewi, direttore del canale satellitare 'al-Aqsa' in Cisgiordania; hanno arrestato anche il giornalista Samir Yunis, direttore nel ministero dell'Informazione, già arrestato varie volte; hanno inoltre arrestato l'ex prigioniero Mazen Jawdat az-Zaghal, già vice direttore per le questioni accademiche nel Ministero dell'istruzione prima del licenziamento da parte del governo di Ramallah e rilasciato alcuni mesi fa dalle prigioni degli occupanti; infine, sono stati arrestati anche Na‘im Ayyad e Khaled Humaidan, dopo aver ricevuto un mandato di comparizione.

Hamas ha inoltre dichiarato che le Forze di sicurezza nella provincia di Nablus hanno arrestato Hamdi Abu Zahra. Nella cittadina di Araba, hanno sequestrato Wael ‘Adli Bani Fadel e Ayman Hammad, quest'ultimo ex detenuto nelle carceri israeliane e nelle carceri dell'Anp, liberato da qualche settimana dopo una detenzione di quasi un anno.

Il movimento islamico ricorda inoltre che le forze di sicurezza nella provincia di Qalqilya hanno arrestato Luqman al-Jada'a, della cittadina di Habla, dopo avergli inviato un mandato di comparizione, mentre nella provincia di Gerusalemme è stato arrestato ‘Abd al-Majid Al-Khaddur, dalla cittadina Badu, anch’egli dopo una convocazione obbligatoria presso un Centro di polizia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.