Haniyah: è stata consegnata agli egiziani una lista di 450 detenuti in cambio a Shalit.

Haniyah: è stata consegnata agli egiziani una lista di 450 detenuti in cambio a Shalit

 

Gaza – Infopal. Il primo ministro Ismail Haniyah ha riconfermato che la riuscita della tregua mediata dall’Egitto, tra le fazioni palestinesi da un parte, e lo stato di occupazione dall’altra, è legata alla fine dello stretto assedio israeliano imposto alla Striscia di Gaza, alla fine delle aggressioni e all’apertura dei passaggi, e all’impegno israeliano a rispettarne i termini.

Durante il sermone del venerdì alla moschea “Falastin” a Gaza, il premier ha dichiarato che “Israele, per la prima volta, accetta il principio della tregua reciproca. Noi abbiamo chiesto la fine delle aggressioni, dell’assedio e l’apertura dei passaggi in cambio alla tregua. E questo è quanto è successo”.

Haniyah ha aggiunto che 72 ore dopo l’entrata in vigore della tregua, Israele dovrà aprire i passaggi per far entrare merci e prodotti necessari alla vita quotidiana della Striscia di Gaza, bloccati da ormai un anno.

Ha chiarito poi che si è attivato un accodo interno palestinese tra le fazioni politiche e la resistenza, al fine di rispettare la tregua nonostante le riserve di qualche gruppo, che ha promesso, comunque, di non ostacolarla.

Per quanto riguarda la questione del soldato israeliano sequestrato a Gaza, Gilad Shalit, Haniyah ha spiegato: "Noi palestinesi vogliamo metter fine alla questione di Shalit per liberare i nostri detenuti rinchiusi nelle prigioni israeliane. La liberazione del soldato israeliano è legata a quella dei detenuti palestinesi".

E ha aggiunto: "E’ stata presentata agli egiziani una lista di 450 nomi su mille detenuti palestinesi da liberare in cambio al soldato Shalit. Gli israeliani devono accettarla per chiudere definitivamente la questione. Tuttavia, è Israele che non vogliono risolvere il problema".

 

Per ciò che concerne il valico di Rafah, il primo ministro ha precisato che è stato concordato che l’Egitto inviti le parti interessate – Hamas, l’Anp di Ramallah e gli europei – a riunirsi al Cairo per discutere i meccanismi per l’apertura del passaggio, e ha fatto sapere che la riunione avrà luogo nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.