Haniyah ha criticato i paesi arabi: l’assedio economico non è stato ancora sollevato.

Il premier Ismail Haniyah oggi ha criticato la mancata esecuzione della decisione presa dai ministri arabi nell’ultimo incontro straordinario del Cairo volta a rompere l’assedio occidentale contro il popolo palestinese e il suo governo.

Haniyah ha dichiarato che la decisione araba non è stata messa in atto a causa della "egemonia americana".

Haniyah ha poi ringraziato il popolo palestinese per la sua resistenza creativa: infatti, ieri sera, si è formata una catena umana intorno alla casa di un attivista che aveva ricevuto la solita telefonata dell’intelligence israeliana che annunciava la distruzione dell’edificio. Gli aerei non hanno eseguito la loro missione.

Per quanto riguarda il dialogo nazionale in corso per la formazione di un governo di unità, Haniyah ha sottolineato che certi argomenti hanno bisogno di ulteriori discussioni.

Commentando invece l’invito del ministro israeliano Avigdor Lieberman a ucciderlo, il premier ha affermato: "Queste minacce non sono nuove e non ci spaventano. Abbiamo scelto la nostra strada che finirà o nel martirio o nella vittoria".

(Fonte: Palestine-info.co.uk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.