Haniyah ha ricevuto i risultati degli incidenti avvenuti durante le celebrazioni per il 3° anniversario della morte di Arafat.

 

GazaInfopal

Venerdì scorso, il primo ministro Ismail Haniyah ha ricevuto il rapporto della commissione d’indagine sugli incidenti occorsi nella città di Gaza nel terzo anniversario della morte del presidente palestinese Yasser Arafat, il 12 novembre scorso (Scontri Hamas-Fatah durante celebrazione per il terzo anniversario della morte di Arafat.). Sette sono state le vittime e decine i feriti in seguito agli scontri tra la polizia e i membri di al-Fatah.

Haniyah ha confermato di aver ricevuto tali risultati dal capo della commissione Hamdi ash-Sharif, consigliere legale del Ministero degli Interni, e ha espresso il proprio apprezzamento al presidente e ai membri della commissione, oltre che ai parlamentari, per il loro sforzo e per il successo dell’inchiesta.

Il primo ministro palestinese ha considerato la pubblicazione dei risultati della commissione un fatto storico, e ha aggiunto: “Il sangue palestinese è più caro dei calcoli politici e di partito”. Ha quindi dichiarato che “i risultati saranno resi pubblici nei prossimi giorni durante una conferenza stampa, perché i Palestinesi siano a conoscenza del lavoro del governo e delle misure che saranno prese, e ha espresso la speranza che non si ripetano momenti così tristi nella vita della nazione”.

Haniyah ha proseguito dicendo: “Esistono due vie: la prima è indagare senza affrettarsi a dare giudizi per cercare di raggiungere la verità, anche se richiede del tempo; la seconda è lanciare accuse sulla base di motivi politici”. E ha precisato che quest’ultima via è inaccettabile e che non si può fare pressione sul governo con dichiarazioni affrettate e continue, oltre che premeditate

Dall’altra parte, Haniyah ha chiesto alla conferenza di Parigi dei paesi donatori di mantenere il loro impegno verso il popolo palestinese, e di adoperarsi per mettere fine all’occupazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.