Haniyah mantiene la promessa fatta mesi fa e consegna alla famiglia di Hadil Ghaban, la bambina uccisa ad aprile, il suo primo stipendio.

Dal nostro corrispondente.

Il premier palestinese Ismail Haniyah ha mantenuto la promessa che aveva fatto appena assunto la carica di primo ministro: ieri sera, infatti, ha consegnato al padre Hadil Ghaban (9 anni), il suo primo stipendio. Il gesto ha avuto luogo durante la sua visita alla famiglia in Beit Lahiya, a nord della Striscia di Gaza.
Haniyah ha sottolineato che questa è “una piccola cosa che rappresenta il nostro dovere verso le famiglie e il popolo palestinese che sacrificano tutto per mantenere alta la testa e liberare Gerusalemme e i nostri luoghi sacri". 
La bambina Hadil Mohammad Ghaban, 9 anni, è stata uccisa il 10 aprile di quest’anno. Insieme a lei sono stati feriti più di dieci cittadini – in maggioranza bambini -, a seguito del bombardamento israeliano della casa dei Ghaban.
Il primo ministro Ismail Haniyah e i membri del suo governo hanno ricevuto metà dello stipendio mensile, come tutti gli impiegati che guadagnano più di 2500 shekel. Questo è il primo ricevuto da quando hanno assunto le cariche ministeriali.
 
Il sacrificio e le generosità
Da parte sua, uno dei membri della famiglia Ghaban ha lodato il comportamento del primo ministro che ha mantenuto la sua promessa: "questa visita rappresenta l’eccellenza della resistenza palestinese. Il primo ministro ha espresso la sua sincerità mantenendo la promessa, attraverso cui ci ha trasmesso lo spirito del suo sacrificio, della sua generosità e del suo sforzo".
Il padre della bambina uccisa ha molto apprezzato il gesto del primo ministro e la fedeltà alla promessa fatta. Ha poi ricordato la sofferenza dei suoi dieci figli colpiti dal bombardamento israeliano e ha spiegato che ancora soffrono per le ferite causate dai frammenti.
Dal nostro archivio:
  •  

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.