Hariri è stato ucciso dal Mossad.

La morte di Hariri ha portato al ritiro delle truppe siriane dal Libano. Il ritiro delle truppe siriane ha lasciato campo libero all’invasione israeliana di quest’estate. Era tutto preparato ad hoc.

Da: http://italy.indymedia.org/news/2006/10/1171136.php e

http://www.waynemadsenreport.com

La rivelazione dell’intelligence francese indica qual è la posizione del governo nei confronti dei neo-con e di Israele in caso di attacco alla Siria. Sarà per questo che il generale francese dell’UNIFIL ha chiesto l’autorizzazione di abbattere gli aerei israeliani in caso di sconfinamento.

24 ottobre, 2006 — Un ex ufficiale francese della DGSE — 

Direzione Generale della Sicurezza Esterna — Un dirigente dell’intelligence ha dichiarato a WMR che l’ex primo ministro libanese, Rafik Hariri, è stato assassinato in un’auto-bomba allestita dal Mossad israeliano.
La rivelazione dell’intelligence francese è significativa, in quanto il governo francese di Jacques Chirac si era unito all’amministrazione Bush, all’establishment neo-con a Washington e a Israele nel condannare la Siria per l’attacco.

Secondo il dirigente della DGSE, Israele e i suoi sostenitori americani volevano condannare la Siria per l’assassinio del popolare leader libanese al fine di innescare una rivolta popolare libanese che portasse al ritiro delle forze siriane dal Libano.

Ciò ha lasciato il Libano senza difese per l’attacco che Israele ha lanciato con il sostegno degli Usa contro Hezbollah e le infrastrutture libanesi.

WMR è stato uno dei primi a dare la notizia del coinvolgimento israeliano e americano nell’assassinio di Hariri, così come di Elie Hobeika, George Hawi, e di altri politici libanesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.