Hebron 2010: oltre mille cittadini arrestati. Donne, bambini, disabili e studenti

Al-Khalil (Hebron) – InfoPal. Nel 2010, l'occupazione israeliana ha arrestato oltre mille cittadini, donne e minori nella sola città di al-Khalil (Hebron).

Per l'esattezza, i cittadini arrestati nel 2010 in quest'area sono stati 1.021: dieci donne e 130 minori (d'età inferiore ai 18 anni), 122 malati, disabili e sofferenti e 227 studenti di scuole e università.

Dall'inzio del 2010 ne sono stati arrestati 1.900.

I dati sono emersi in un rapporto stilato dal Centro per i prigionieri di Hebron in cui sono stati esposti nei dettagli i particolari e le circostanze in cui sono stati condotti gli arresti: presso i posti di blocco che stringono la città dall'esterno e quelli che la dividono all'interno, raid, operazioni militari e violente incursioni condotte con coercizione e pestaggi.

Come è per il resto dei detenuti e prigionieri palestinesi, anche ad Hebron si sono riportati casi di abusi e maltrattamenti all'interno delle prigioni di Israele, dove i prigionieri sono costretti al freddo, in celle anguste e privati dei pasti. 88 di essi si trovano in detenzione amministrativa (senza accusa e propagabile ad oltranza, ndr), ma gran parte di queste detenzioni restano prive di basi d'accusa nei loro confronti.

Con la divulgazione del rapporto è giunto anche l'appello di Amjad an-Najjar, direttore del centro, che si è rivolto al mondo “perché ponga fine alle detenzioni arbitrarie, politicamente dirette ad istigare un'intero popolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.