Hezbollah annuncia attacchi contro 15 siti militari israeliani nel nord di Israele e nelle Alture occupate del Golan

Beirut – MEMO. Il gruppo armato libanese Hezbollah ha dichiarato giovedì di aver lanciato 150 razzi simultaneamente contro 15 siti militari nel nord di Israele e nelle Alture occupate del Golan.

Il gruppo ha dichiarato che gli attacchi sono a sostegno della salda popolazione palestinese a Gaza e in risposta all’uccisione di tre combattenti di Hezbollah, tra cui un alto comandante di campo, avvenuta martedì sera in un attacco nel sud del Libano.

L’attacco, che è il più grande da quando le due parti hanno iniziato lo scambio di fuoco, l’8 ottobre, sulla scia della guerra di Israele contro la Striscia di Gaza assediata, arriva un giorno dopo che Hezbollah aveva lanciato più di 200 razzi.

Da parte sua, il canale israeliano Channel 14 ha contraddetto una dichiarazione del portavoce dell’Esercito israeliano che aveva affermato che solo 40 missili erano stati lanciati verso il nord, e ha affermato che i sistemi di rilevamento avevano segnalato più di 100 missili.

In precedenza, il portavoce dell’Esercito israeliano aveva annunciato che diversi incendi erano scoppiati a causa dei missili lanciati dal Libano.

La tensione è alta al confine tra Libano e Israele da quando Israele ha lanciato la sua spietata guerra contro la Striscia di Gaza assediata, che ha causato la morte di quasi 40 mila persone, la maggior parte delle quali donne e bambini.

(Foto: [Mostafa Alkharouf – Anadolu Agency]).

Traduzione per InfoPal di F.L.