I cristiani di Palestina: ‘L’occupazione della nostra terra è un peccato contro Dio e l’umanità’

Gerusalemme (al-Quds) – occupata. I leader della comunità cristiana palestinese hanno fatto appello ai rappresentanti della Chiesa per cominciare un boicottaggio del sistema israeliano dei permessi per accedere alla città santa di Gerusalemme (al-Quds).

Mike Salman, rappresentante di Fatah per le questioni religiose, ha parlato a radio Mawwal martedì sera nell'ambito del programma “Nostre radici”, affermando che tutto il sistema israeliano di concessione dei permessi per accedere ai territori palestinesi illegalmente annessi da Israele è “un'offesa alla dignità umana”.

In base al diritto internazionale e alle varie convenzioni, “Gerusalemme è parte dei territori annessi nel 1967, e noi musulmani e cristiani dovremmo potervi accedere senza permessi”, cosicché egli ha invitato i cristiani a sostenere i loro leader religiosi nella campagna per porre fine al sistema dei permessi.

“Dovremmo avere una chiara e solida posizione sulla questione dei permessi; permessi che offendono la dignità umana, per cui non dobbiamo cedere alle politiche messe in atto dagli occupanti”, ha detto Salman.

Jack Khozmo, caporedattore del giornale “Al-Bayader” edito a Gerusalemme, afferma che il boicottaggio da parte dei cristiani dovrebbe essere sostenuto dalla resistenza dell'intera comunità cittadina.

“La resistenza popolare è già riuscita a far tornare indietro Israele sulla decisione di imporre restrizioni nei giorni della Pasqua presso la chiesa del Santo Sepolcro”, ha spiegato.

Khozmo è d'accordo sul fatto che i Patriarchi delle chiese dovrebbero assumere una ferma posizione sulla politica dei permessi: “La libertà religiosa è un diritto sacro, pertanto questo non dovrebbe essere richiesto a nessuno”.

Il presidente del “Global Movement for Defense of Children” e coordinatore del “Kairos Palestine initiative”, Rif'at Qassis, ha sostenuto con forza questa posizione, facendo appello ai leader delle chiese affinché chiudano le porte delle chiese proibendo l'ingresso a tutti i pellegrini se non verrà garantito il libero accesso ai luoghi santi.

“Il nostro documento – il Kairos Palestine – assicura la libertà di culto per tutte le religioni nei luoghi santi, chiedendo che i singoli individui non debbano lottare per pregare in una chiesa”, ha commentato Qassis riguardo a un'iniziativa dei palestinesi cristiani contro l'occupazione della Palestina.

“I palestinesi cristiani dichiarano che l'occupazione militare sulla nostra terra è un peccato contro Dio e l'umanità”, affermano i fautori dell'iniziativa, inoltre essi sostengono che qualsiasi teologia che legittima l'occupazione è distante dagli insegnamenti cristiani, poiché la teologia cristiana è una teologia dell'amore e della solidarietà con gli oppressi, un richiamo alla giustizia e all'eguaglianza tra i popoli”.

Qassis ha anche affermato che il mondo intero e i capi delle chiese dovrebbero rifiutare l'idea dei permessi, pertanto ciascuno dovrebbe recarsi presso i checkpoint militari e chiedere il suo naturale diritto di andare a Gerusalemme e pregare nella moschea al-Aqsa e nel Santo Sepolcro.

(Fonti: www.kairospalestine.ps).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.