I giornalisti di Gaza manifestano per chiedere la liberazione dei loro colleghi sequestrati dall’ANP e da Israele.

Gaza – Infopal. Ieri, decine di giornalisti di Gaza hanno manifestato contro gli arresti di colleghi cisgiordani per mano delle forze di sicurezza dell’ANP e di quelle israeliane, e hanno chiesto garanzie per la libertà di stampa e di espressione.

La manifestazione, a cui hanno partecipato giornalisti, scrittori, membri del Consiglio Legislativo e diversi presidenti di associazioni legali operanti nella Striscia di Gaza, è stata organizzata dal network di informazione "al-Aqsa".

Il presidente del CLP con delega, Ahmad Bahar, ha condannato le aggressioni contro i giornalisti in Cisgiordania, e ha precisato che la Legge base palestinese "garantisce la libertà di parola". Ha poi aggiunto: "I giornalisti, i parlamentari e le loro famiglie e chiunque sostenga la resistenza sono sottoposti a sequestri, torture e aggressioni da parte delle forze di sicurezza dell’ANP – che rappresenta un mezzo al servizio dell’occupazione israeliana".

I giornalisti incarcerati per motivi politici sono: Mohammad Eshtewi, Khaldun Madhlum, Farid Hammad, Yazid Khader, Mohammad Adhbah, Iyad Surur, Tareq Shihab, Bassam al-Sayeh, Alaa at-Titi. Quelli in mano alla polizia di Gaza sono: Yusef Fayyad, Hani Ismail e Akram al-Loh.

Yasser Abu Hein, presidente della Lega dei giornalisti palestinesi, ha criticato i deputati del CLP in Cisgiordania per non essere intervenuti a sostegno dei colleghi presso le forze di sicurezza. E ha aggiunto: "Anche le associazioni legali in Cisgiordania sono ormai passive: esse non si sforzano nemmeno più di condannare l’arresto dei giornalisti.Ciò dimostra la loro sottomissione al diktat dell’ANP di Ramallah".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.