I ministri arabi dell’Informazione studiano una strategia mediatica per rompere l’assedio a Gaza

Il Cairo – Pal-Info. I Ministri dell'Informazione dei Paesi arabi sono riuniti a Il Cairo per tracciare una strategia comune, tutta incentrata sull'assedio israeliano a Gaza e per studiare un piano mediatico che contribuisca alla sensibilizzazione e – nella migliore delle ipotesi – a rompere l'embargo.

In una dichiarazione congiunta, fatta pervenire alla stampa il 23 giugno, i leader arabi hanno comunicato di voler adottare una campagna mediatica forte, da contrapporre alla propaganda sionista.

Saranno puntati i riflettori sui piani di giudeizzazione di Gerusalemme e sulle minacce allo Haram ash-Sharif, dove sorge la Moschea al-Aqsa.

Sono stati rivolti un appelli ai media arabi – in particolare ai Paesi proprietari di stazioni satellitari – perché non incoraggino con il proprio lavoro le divisioni interpalestinesi.

“Fare i dovuti controlli sui canali e monitorare i contenuti dei palinsesti per impedire incitazioni all'estremismo, alla violenza o al terrorismo”.

Quest'ultimo appello, con tutta probabilità, si è reso necessario dopo la decisione francese di oscurare il canale al-Aqsa tv sul EutelSat, decisione resa esecutiva a partire da ieri sera, 24 giugno.

Adesso il canale palestinese viene ospitato sul satellite egiziano Nile Sat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.