I preparativi israeliani per la guerra continuano. L'attacco all'Iran.

Riceviamo da Al-Awda-Italia

I preparativi israeliani per la guerra continuano. L’attacco all’Iran
non è imminente.

Michel Chossudovsky, Global Research, 30 giugno 2007

Mentre i preparativi di guerra continuano, un attaco USA-israeliano
all’Iran nel 2007 è altamente improbabile. Il Jerusalem Post [
http://tinyurl.com/2ouc33 ](22 giugno 2007) citando fonti dei servizi
israeliani riporta che:

"L’Israeli Air Force (IAF) si è addestrata per lunghi voli e ai
rifornimenti in volo di questi, in preparazione a potenziali attacchi
contro obiettivi nucleari iraniani.
Il programma di addestramento ha avuto luogo tempo fama è stata resa
pubblica venerdì, ha riportato il quotidiano Ma’ariv.
Stime dei servizi ricevute dal personale della difesa concordano sul
fatto che una volta che l’Iran avrà passato il punto di non ritorno
nei suoi sforzi nucleari, l’interno Medio Oriente entrerà in una
fanatica corsa agli armamenti nucleari. Egitto e Arabia Saudita
dovrebbero diventare le due potenze principali se un simile scenario
dovesse diventare realtà".

Il rapporto, comunque, suggerisce anche che un attacco all’Iran non è
imminente.

"Alla fine del 2007 gli Stati Uniti e Israele dovrebbero compiere una
stima congiunta per constatare l’efficenza di sanzioni economiche
contro l’Iran.
Un nuovo pacchetto di sanzioni preparato unitamente da Israele e gli
Stati Uniti, che include l’aumento della pressione sui governi europei
per eliminare i 22 miliardi di dollari in prestiti di garanzia dati
annualmente a compagnie europee che fanno affari con l’Iran.
Il nuovo pacchetto include anche sanzioni contro banche che lavorano
con l’Iran, il non rinnovo delle infrastrutture petrolifere in Iran e
una lunga serie di azioni economiche che hanno lo scopo di colpire
pesantemnte l’economia iraniana.
Secondo le stime di fine anno, Washington deciderà come andare avanti
nella lotta contro la corsa nucleare iraniana".

Il generale Peter Pace finirà il suo mandato come capo del Joint Chief
of Staff nel settembre 2007. Il Segretario alla Difesa Gates ha già
annunciato che l’Ammiraglio Michel Mullen, capo delle Operazioni
Navali USA, è stato nominato per prendere il posto del generale Pace
come capo del JCS.

La conferma da parte del Senato delle voci riguardo il nuovo capo del
JCS sono fissate per un momento imprecisato nel corso dell’estate.
Mullen, se confermato, dovrebbe prendere il posto verso l’inizio di
ottobre.

Prima dell’installazione del nuovo capo del JCS non possono essere
lanciate rilevanti operazioni militari.

Fonte: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=6187

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.