Il Convoglio Lifeline (Viva Palestina) è arrivato in Italia

Torino – InfoPal. Ieri pomeriggio, verso le 16,30, il Convoglio Lifeline (Viva Palestina 5) ha raggiunto il centro della città di Torino, dove organizzatori e sostenitori della missione di aiuti diretta a Gaza avevano allestito banchetti di accoglienza e offerto un buffet ai membri della carovana.
Il gruppo di Lifeline, partito da Londra sabato 18 settembre, ha attraversato la Francia ed è arrivato a Torino dal valico del Frejus e poi dalla Valle di Susa.

A piazza Castello erano in attesa attivisti, giornalisti e gli italiani che si uniranno alla spedizioni, tra cui Alfredo Tradardi e Diana Carminati, dell'Ism – Italia.
La folta delegazione di britannici – inglesi e irlandesi – che ha condotto fin qui le decine di automezzi di soccorso destinate a Gaza, era visibilmente emozionata dall'accoglienza torinese.

Tuttavia, lasciare la Francia non è stato semplice per Lifeline. “Avrebbe dovuto essere un viaggio facile da Lione al confine italiano e poi da Torino a Milano. Ma non è stato così”, si legge nel sito di Viva Palestina.
Non appena i primi veicoli hanno raggiunto il confine, sono stati salutati da un cordone di polizia di frontiera francese. Era chiaramente tutto pre-organizzato”. Furgoni e persone sono state attentamente controllate, così come i passaporti.  A causa dei controlli particolareggiati, il Convoglio è stato diviso e ogni automezzo è entrato da solo nel tunnel del Frejus.
Ciò ha causato un forte ritardo sul programma – a Torino era atteso per le 14,30 circa.
“Comunque – sottolineano il membri di Lifeline – la polizia italiana è stata molto più accomodante: decine di poliziotti (e vigili urbani, ndr) in moto hanno scortato il convoglio fino a Torino , passando tra diversi sostenitori, che hanno lanciato fumogeni di benvenuto. Dopo una manifestazione nella bellissima piazza Castello, al tramonto, gli automezzi sono partiti per Milano e per la prima notte in tenda”.

L'appuntamento di oggi a Milano è alle 18,30, in piazza Fontana

Per altre info:  www.vivapalestina.org

Articoli correlati:

Lifeline 5: l'Egitto rifiuta il passaggio via terra per Gaza. George Galloway nella 'lista nera'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.