Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

InfoPal. L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Mercoledì in un post su Facebook, l’accademico e storico ebreo israeliano antisionista, Ilan Pappé ha detto di essere stato “fermato per un’indagine di due ore dall’FBI” e che “anche il suo telefono è stato sequestrato”.

“Sei un sostenitore di Hamas? Consideri le azioni israeliane a Gaza un genocidio? Qual è la soluzione al ‘conflitto’ (sul serio, questo è quello che mi hanno chiesto!)”, continua Pappé nel post.

A Pappé è stato anche chiesto chi fossero i suoi “amici arabi e musulmani in America… “da quanto tempo li conosco, che tipo di rapporto ho con loro”.

“Hanno avuto una lunga conversazione telefonica con qualcuno, gli israeliani?, e dopo aver copiato tutto sul mio telefono mi hanno permesso di entrare”, aggiunge il post.
Pappé afferma che questo è un riflesso “del panico e della disperazione assoluta in reazione al fatto che Israele sta diventando uno stato paria con tutte le implicazioni di tale status”.

Pappé è professore all’Università di Exeter. In precedenza è stato docente senior di scienze politiche presso l’Università di Haifa.

È autore di numerosi libri, tra cui “La pulizia etnica della Palestina”, “Una storia della Palestina moderna: una terra, due popoli”, “Dieci miti su Israele” e altri interessanti testi.

Pappé è il coautore, insieme allo storico palestinese, Ramzy Baroud, di “Our Vision for Liberation”.