Il governo di Gaza rilascia Paul Martin, il giornalista britannico accusato di spionaggio

Gaza – Infopal. Il governo della Striscia di Gaza ha deciso di rilasciare il giornalista britannico Paul Martin, imprigionato il 14 febbraio scorso.

Il giornalista e documentarista, arrestato per “minacce alla sicurezza nazionale” e per spionaggio a vantaggio di Israele, è stato interrogato per quindici giorni dai servizi di intelligence di Gaza sulle sue interviste a un palestinese accusato di collaborazionismo con lo stato sionista.
 
Un tribunale militare aveva prolungato la detenzione di altri quindici giorni.

Martin è stato accompagnato al valico di Erez e invitato a non rientrare più nella Striscia.

Il portavoce del governo di Gaza, Taher An-Nunu, ha dichiarato al nostro corrispondente che tale decisione è giunta a seguito dei ricorsi dell'Ambasciata del Sudafrica e del Consolato britannico a Gerusalemme.

An-Nunu ha aggiunto che il governo ha deciso di deportare Martin e di proseguire le indagine negli stati di cui lui possiede i passaporti, Gran Bretagna e Sudafrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.