Il governo Haniyah: 'Il massacro di al-Breij è un atto di terrorismo'.

Gaza – Infopal

Il governo palestinese di Ismail Haniyah, attraverso il suo portavoce, Taher an-Nuno, ha definito il bombardamento delle abitazioni civili palestinesi da parte degli F16 israeliane, un "atto criminale. Un cambiamento pericoloso nella strategia delle aggressioni israeliane contro il popolo palestinese. Questo crimine è una vergogna per l’umanità. E’ una conferma del livello di terrorismo raggiunto dallo Stato di occupazione, che non è dotato ai alcuna morale e che si è trasformato in una macchina criminale per uccidere i civili innocenti dentro le case".

Ieri sera, in un comunicato stampa, an-Nuno ha invitato "coloro che si oppongono ai mezzi di difesa del popolo palestinese, semplici e primitivi, considerandoli inutili" a "guardare al volume di terrorismo e di distruzione che ha lasciato dietro di sé la macchina da guerra sionista, e la grandezza dei crimini commessi contro i civili palestinesi".
E ha aggiunto: "Noi diciamo a chi condanna la resistenza: basta collaborazione con l’occupazione e basta giustificare i loro crimini contro il popolo palestinese, vittima della più spietata aggressione terroristica conosciuta dall’umanità. Non diventate un sostegno dell’occupazione contro il nostro popolo".

Il governo di Gaza ha chiesto alla comunità internazionale di porre termine al "silenzio" che segue i crimini commessi dallo Stato di Israele, invitandola a "muoversi per fermare l’occupazione che vive sul sangue, sulle uccisioni e sul terrorismo".
Il governo si è domandato: "Se quanto è stato commesso ieri nel campo profughi al-Breij non è terrorismo, allora, qual è il terrorismo? Se uccidere un’intera famiglia e demolire sette appartamenti in un solo colpo non è un crimine, quali sono i crimini?".

Il comunicato termina affermando: "Il mondo deve assumersi le proprie responsabilità. Chi equipara la vittima e il boia, il popolo occupato e l’occupante, partecipa, in un modo o nell’altro, agli ingiustificabili crimini israeliani".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.