Il governo israeliano rompe con le associazioni ebraiche Usa dissenzienti

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il governo israeliano ha recentemente ordinato alla sua ambasciata a Washington di rompere le relazioni con le associazioni ebraiche che hanno sede negli Stati Uniti e le cui posizioni non si accordano con le politiche di Tel Aviv, in particolare per quanto riguarda la questione delle colonie.

Lo ha riferito oggi il sito del giornale israeliano 'Anyan Markazi, nel quale si aggiunge che l'ambasciatore Michael Oren ha già cominciato ad attuare le istruzioni giuntegli da Israele, informandone i presidenti delle suddette associazioni.

Lo staff dell'ambasciata si è inoltre rifiutato di essere presente al convegno annuale dell'associazione ebraica J Street, evento che, abitualmente, vede la partecipazione dell'ambasciatore e del resto del corpo diplomatico.

J Street aveva in particolare mostrato la sua opposizione all'idea – espressa dal governo di Netanyahu – che Washington debba necessariamente esercitare il suo diritto di veto in seno al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ogni qualvolta si debba discutere di un'eventuale punizione delle politiche coloniali israeliane nei Territori palestinesi occupati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.