Il ministero della Salute: negli ospedali di Gaza grave mancanza di medicinali

Gaza – Pal-info.  Lunedì, il ministero della Salute di Gaza ha comunicato la mancanza di medicine e attrezzature mediche negli ospedali della Striscia di Gaza sotto assedio. Tale carenza è dovuta al completo esaurimento di 310 tipi di medicinali.

Gli effetti si ripercuotono su molti reparti, tra cui il pronto soccorso e la terapia intensiva, così come sui pazienti affetti da malattie al cuore, ai nervi, ai reni, da patologie psichiche e tumori.

La crisi della sanità è una delle conseguenze del blocco, rafforzato da Israele sulla piccola enclave costiera.

In un comunicato, il ministero della Salute ha affermato di aver chiesto l’intervento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – Oms. Ma la crisi non è retrocessa, incidendo su tutti i servizi sanitari forniti ai pazienti della Striscia di Gaza.

Inoltre, il ministero ha sottolineato che, di recente, una missione norvegese ha effettuato una visita di quattro giorni a Gaza. Essa è stata informata delle gravi carenze mediche e ha successivamente redatto un rapporto per il Lancet health magazine, rivista di tiratura mondiale.

La missione ha definito “straziante” la situazione nella Striscia di Gaza e ha esortato la comunità internazionale ad aiutare a rifornire la regione, in base alle esigenze mediche.

Il ministero della Salute ha annunciato una possibile catastrofe sanitaria, che potrebbe interessare gli ospedali e le cliniche di Gaza – una situazione che porterebbe allo sviluppo di malattie croniche o alla disabilità permanente dei pazienti, se non alla loro morte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.