Il ministro del Tesoro: "Sono in corso le operazioni per far entrare i soldi per i palestinesi".

Amr Abder-Razak ha assicurato che sono in corso le operazioni per far entrare denaro nei Territori Palestinesi.
Oggi a Ramallah ha spiegato che ci sono problemi nel trasferimento degli stipendi dei dipendenti, ma che i soldi ci sono: 10 milioni di dollari arrivano dalla Russia; 70 sono diretti all’Università araba; 100 arrivano dall’Iran; 20 dall’Arabia Saudita, e 70 sono in sede di discussione.
"Non è la prima volta – ha sottolineato il ministro – che i palestinesi vivono sotto duro assedio, sia politicamente sia economicamente, anche se questo forse è uno dei più duri, ma il popolo è paziente e ha speranza".
Ha continuato affermando che i soldi che arrivano al popolo palestinese non sono "aiuti" ma i loro diritti contro il mondo che ha taciuto a lungo sull’occupazione, sull’oppressione e sulla distruzione delle capacità del popolo.
Abder-Razak ha ringraziato tutti coloro che inviano aiuti, dichiarando che chi lo fa, collabora con il popolo arabo-islamico.
Aggiunge che il ministero è al corrente del fatto che i dipendenti stanno attraversando un periodo difficile, ma che è in contatto con la banca per cercare di far arrivare gli stipendi.
Conclude dicendo che l’unità del governo è la cosa migliore per risolvere tutti i problemi e per scoprire tutto quello che subisce il popolo palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.