Il ministro Frattini in Medio Oriente

Infopal, 19 gennaio. Dopo aver spiegato più volte agli italiani che Israele aveva diritto a difendersi contro il “terrorismo” di Gaza, ora il nostro ministro degli Esteri Franco Frattini ha annunciato il proprio viaggio in Palestina.

Dal comunicato che pubblichiamo qui di seguito non si comprende se si recherà anche nella Striscia di Gaza. Abbiamo interpellato il MAE che non ci ha fornito ulteriori spiegazioni.

Questa mattina, la tv satellitare al-Jazeera riferiva di una visita umanitaria del ministro Frattini nella Striscia di Gaza.

…………

Comunicato stampa del MAE – Ministero Affari esteri italiano

Roma 19 Gennaio 2009

Il Ministro degli esteri, Franco Frattini, partirà oggi per una missione in Medio Oriente che prevede tre tappe: Tel Aviv, Territori Palestinesi, Il Cairo.

A Tel Aviv, il Ministro Frattini avrà colloqui con le Autorità israeliane e, in particolare con la collega Tzipi Livni.
Nella mattinata del 20, dopo l’incontro con le agenzie delle N.U. operanti in loco e con la Croce rossa, e’ prevista una cerimonia di consegna degli aiuti umanitari italiani a favore della popolazione di Gaza. Quindi, A Ramallah, il Ministro Frattini avrà colloqui con Primo Ministro palestinese, Salam  Fayyad.
Il 21 il Ministro Frattini si recherà al Cairo, dove incontrerà il Ministro degli Esteri Aboul Gheit nonché il  Segretario Generale della Lega Araba, Amr Moussa.

Questi, in sintesi, i principali obiettivi della visita:

– Rilanciare l’impegno italiano a favore di una soluzione politica della crisi.

– Ribadire la disponibilità europea a riaprire la Missione EUBAM-Rafah e a estenderla eventualmente agli altri valichi con Israele.

– Confermare l’impegno dell’Italia in favore della popolazione palestinese, come dimostrato dagli aiuti umanitari di emergenza resi immediatamente disponibili dal nostro Paese.

– Annunciare i piani dell’Italia, nel quadro della Presidenza G8, per rilanciare lo sviluppo economico dei Territori Palestinesi e la ricostruzione della Striscia di Gaza.

– Incoraggiare il riavvio del negoziato bilaterale israelo-palestinese e di quello inter-palestinese.

– Esprimere il pieno appoggio all’Autorità Nazionale Palestinese e al Presidente Abu Mazen.

– Esprimere il più ampio apprezzamento per il ruolo prezioso svolto dall’Egitto durante la crisi e per la mediazione che ha condotto alla sua conclusione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.