Il ministro Siyam ha fatto ritorno a Gaza nonostante le minacce israeliane di bloccargli l’ingresso.

Da www.palestine-info.co.uk

Dopo aver passato quasi due settimane in un tour dei paesi arabi e islamici, allo scopo di raccoglierne il sostegno dei governi e dei popoli alla causa della popolazione assediata palestinese, il ministro degli Interni, Said Siyam, è rientrato nella Striscia di Gaza martedì mattina attraverso il valico di Rafah, a dispetto delle ripetute minacce delle autorità di occupazione israeliane di bloccargli l’ingresso o di ucciderlo.

Il ministro dei Trasporti israeliano Shaul Mofaz, infatti, aveva  sollecitato il suo governo a uccidere Siyam e a non lasciarlo tornare rientrare a Gaza. Hamas e il governo dell’Anp avevano promesso che il ministro sarebbe invece ritornato sano e salvo.

Siyam si trovava in visita all’Iran e alla Siria come parte di un progetto del governo dell’Anp volto a rafforzare le relazioni con le nazioni arabe e islamiche.

A Damasco ha incontrato anche il segretario generale di Fatah, Farouk Qaddoumi, con cui ha discusso dell’attuale situazione politica nell’arena palestinese, e si è trovato d’accordo con lui sulla formazione di un governo di unità nazionale basato sul documento di Concordia nazionale come "unica strada che possa far uscire dall’attuale stallo politico".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.