'Il Muro dell'Apartheid: 408 km'.

The Apartheid Wall

reached (June 2007) a length of 408 km,

56,5% of the total foreseen

 

Total length of the wall

721 km

Wall built after the negative opinion of the International Court of Justice 2004

200 km

Under construction

71 km (10%)

Planned

242 km (33,5%)

Length of the wall around Jerusalem

168 km

Length of the wall along the Green Line

140 km (20%)

Length of the Wall running inside the West Bank

581 km (80%)

Cities, villages and neighbourhoods ghettoized

97

 

Some Israelis’ points of view …..

 

“For the Israelis it is a "separation fence," for the Palestinians – an "apartheid wall." For the Israelis it is an ideal, for the Palestinians an existential threat. For most Israelis it is a magic solution to the dread of terrorism. For the Palestinians it is a profound fear. Once again, they don’t understand one another, two nations who don’t grasp the meaning of each other’s anxieties.” Gideon Levy – Journalist/Writer

 

 “The Israelis who join the movement must understand that peace can not be concluded without satisfying International law, and obviously without putting an end to the occupation.”

Shai Carmeli Pollak – Film Director (Bil’in Habibi (Bilin my love))

 

 “As we drew towards the Shepherds’ Fields, we run into the Wall. It cut into the tender Bethlehem countryside like a colossal devouring maw, and nature disappeared, marshmallow-like. Dozens of Caterpillars were tearing at the hills, uprooting fig trees and vines, crushing rocks for some monstrous Margarita. They demolished old peasant houses and medieval towers, and denuded the slopes walked by the Virgin. The Wall was built like a wide four-lane highway, flanked by 20-feet-high double steel mesh fences, topped with high tension wire, interspaced with cameras, sharpshooters’ positions and a few gates. It was the most formidable prison camp perimeter fencing I have ever seen, and it skirted the village houses tightly, like a tipsy tango dancer holds his partner.”  Israel Shamir – Journalist/Writer

 

Associazione di amicizia Italo-Palestinese Onlus Firenze

www.amiciziaitalo-palestinese.org

email: amiciziaitalo-palestinese@aruba.it

Il muro della vergogna

ha raggiunto (Giugno 2007) la lunghezza di 408 km, 56,5% del totale previsto

 

Lunghezza totale del muro

721 km

Tratto costruito dopo l’opinione negativa della Corte Internazionale di Giustizia (2004)

200 km

In costruzione

71 km (10%)

Progettato

242 km (33,5%)

Lunghezza del muro attorno a Gerusalemme

168 km

Lunghezza del muro lungo la Green Line

140 km (20%)

Lunghezza del muro nella West Bank

581 km (80%)

Città, villaggi e quartieri isolati

97

 

L’opinione di alcuni Israeliani …..

 

 “Per gli israeliani è una "barriera di separazione" per i palestinesi il "muro dell’apartheid". Per gli israeliani è un ideale, per i palestinesi una minaccia esistenziale. Per la maggior parte degli israeliani è una soluzione magica alla paura del terrorismo. Per i palestinesi è una paura profonda. Una volta ancora non si capiscono, due nazioni che non afferrano il significato delle rispettive paure.” Gideon Levy – Giornalista/Scrittore

 

“Gli Israeliani che si uniscono al movimento devono capire che la pace non può essere raggiunta senza soddisfare la legge Internazionale ed ovviamente senza aver posto fine all’occupazione.”  – Shai Carmeli Pollak – Regista (Bil’in Habibi (Bilin my love))

 

“Poi, mentre ci dirigevamo verso il Campo dei Pastori, ci imbattemmo nel Muro. Sezionava il tenero paesaggio campagnolo di Betlemme come un  colossale abisso divoratore, e la natura scompariva. Dozzine di bulldozers scavavano le colline, sradicavano alberi di viti e di fichi, schiacciavano le rocce per qualche mostruosa Margarita. Demolivano vecchie case di contadini e torri medievali, denudando le pendici su cui aveva camminato la Vergine. Il Muro veniva costruito come una grande autostrada a quattro corsie, delimitata da barriere di doppio acciaio alte 20 piedi, sormontate da fili ad alta tensione, intervallate da telecamere, postazioni per cecchini e qualche cancello. Era il piu’ formidabile recinto perimetrale per campi di prigionia che avessi mai visto e si addossava strettamente alle case del villaggio, come un folle ballerino di tango fa con la sua partner. .”  Israel Shamir – Giornalista/Scrittore 

Associazione di amicizia Italo-Palestinese Onlus Firenze

                           www.amiciziaitalo-palestinese.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.