‘Il passaporto’, di M. Darwish.

 

Riceviamo da al-Awda e pubblichiamo.

La poesia qui presentata dal titolo Passaporto ha per tema proprio l’identità  palestinese negata dalle autorità  israeliane. Appartiene alla raccolta pubblicata nel 1970 dal titolo "La mia amata si desta dal sonno" ed è oggi anche una canzone celebratissima musicata dal cantautore libanese Marcel Khalife.

PASSAPORTO

Non mi hanno riconosciuto nelle ombre che
risucchiano via il colore dal mio passaporto
e la mia ferita era per loro una mostra
per un turista amante di foto.
Non mi hanno riconosciuto.
Non lasciare le mie mani senza sole,
perché gli alberi mi conoscono
tutte le canzoni della pioggia mi riconoscono,
non lasciarmi come pallida luna!
Tutti gli uccelli che hanno seguito la mia mano
sulla porta del lontano aeroporto,
tutti i campi di grano,
tutte le prigioni . . .
tutte le tombe bianche,
tutte le frontiere . . .
tutti i fazzoletti sventolati,
tutti gli occhi
erano con me
ma loro li hanno cancellati dal passaporto!
Privato del nome, dell’identità 
sulla terra impastata con le mie mani?
Oggi Giobbe ha gridato riempendo il cielo:
non fare che io sia di nuovo da esempio!

O miei signori! O profeti,
non chiedete agli alberi il loro nome
non chiedete alle valli di chi sono figlie.
Dalla mia fronte sgorga la spada della luce
e dalla mia mano l’acqua del fiume;
tutti i cuori della gente . . . sono la mia identità.
Allora ritiratemi questo passaporto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.