Il PCHR condanna gli incidenti scoppiati la settimana scorsa all'Università An-Najah.

PCHR –  Centro Palestinese per i Diritti Umani

Comunicato stampa del 26 luglio 2007.(http://www.pchrgaza.org/files/PressR/arabic/2007/71-2007.htm)
 
Il Centro condanna gli ultimi incidenti scoppiati tra il gruppo della Gioventù di Fatah e quello islamico all’interno dell’Università Nazionale An-Najah, a Nablus.

Il Centro per i diritti umani condanna gli scontri armati all’interno dell’Università Nazionale An-Najah scoppiati martedì 24 luglio, tra la sicurezza dell’Università e il gruppo della Gioventù del Fatah da una parte, e attivisti del gruppo islamico dall’altra parte. Durante i disordini sono stati feriti 16 studenti. Uno è morto a seguito delle ferite da arma da fuoco riportate alla testa.

Il Centro condanna inoltre le aggressioni, gli arresti, i sequestri illegali e le pressioni contro gli attivisti del movimento di Hamas in Cisgiordania e lancia l’allarme sul pericolo di trasferire il conflitto che ha dilaniato la Striscia di Gaza anche in Cisgiordania.

In base alle indagini del Centro e alle testimonianze, alle 11,30 di martedì 24 luglio, alcuni membri del gruppo islamico si sono radunati nella cortile principale dell’università, che si trova tra le facoltà di Educazione e Lettere, per un sit-in di solidarietà con i compagni arrestati la stessa mattina, a Nablus, da parte delle forze di occupazione israeliana.
Mentre gli attivisti del gruppo distribuivano un comunicato di condanna per gli arresti, la sicurezza dell’Università e diversi attivisti della Gioventù del Fatah sono intervenuti per sciogliere la riunione. Ne è nato uno scontro tra i due schieramenti.

Testimoni oculari hanno riferito che tre membri della sicurezza dell’Università hanno iniziato a sparare. Altri uomini armati in abiti civili e forze della sicurezza sono stati visti girare nell’ateneo.

La sparatoria ha provocato il ferimento di tre studenti: uno è poi deceduto. Altri 13 sono stati feriti con bastoni, lame, ecc.

Verso le 17,30, durante una conferenza stampa, la direzione dell’Università ha accusato il gruppo islamico della responsabilità degli scontri: non avrebbe rispettato le regole interne dell’ateneo che impediscono a qualsiasi gruppo studentesco di svolgere "attività politiche". Questo divieto è stato promulgato a seguito del conflitto inter-palestinese scoppiato nella Striscia di Gaza a giugno. L’Università è stata chiusa a tempo indeterminato.

I feriti da armi da fuoco sono: Mohammad Abderrahim Daud Raddad, 20 anni, del gruppo islamico – colpito alla testa. E’ morto venerdì 27. Mohammad Samir Hussein Ismail, 21 anni, del gruppo islamico – colpito alla gamba sinistra; Hani Shaker Meshah, 28 anni, della Gioventù del Fatah – colpito alla gamba destra.

A seguito di questi incidenti, le forze di sicurezza palestinesi hanno arrestato diversi studenti appartenenti al gruppo islamico.

Decine di studentesse, insieme alla deputata Muna Mansour, del gruppo parlamentare "Riforma e Cambiamento", di Hamas, hanno protestato contro gli arresti e hanno chiesto la liberazione dei loro compagni.

In serata, è stato appiccato un incendio nel palazzo che ospita la sede degli Affari degli studenti (ex sede della facoltà di arte).

Da parte loro, le studentesse hanno concluso il sit-in dopo aver raggiunto un accordo tra la commissione di attività nazionale e islamica, da una parte, e il presidente della provincia Jamal Muhsen, dall’altra parte: quest’ultimo dovrà studiare i fascicoli che riguardano gli studenti arrestati dalle forze di sicurezza e far liberare quelli non coinvolti direttamente negli incidenti.

Altri incidenti erano scoppiati l’11 luglio tra gli attivisti dei due gruppi all’interno dell’Università di Birzeit, vicino a Ramallah.

Alla luce di questi nuovi episodi, il Centro invita a indagare sull’uso di armi da fuoco all’interno dell’ateneo di An-Najah. Dichiara inoltre la propria perplessità per il "trasferimento della lotta spietata tra i due movimenti di Hamas e Fatah all’interno delle università" e invita "a proteggerne la sicurezza e a garantire il clima adatto alla vita e alla libertà accademica". Denuncia con "preoccupazione la campagna di arresti effettuata nei giorni scorsi dalle forze di sicurezza a discapito di decine di attivisti del movimento di Hamas". Il Centro chiede infine che tali arresti avvengano nei termini della legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.