Il premier di Gaza: nuova Intifada contro la confisca israeliana delle moschee di Ibrahim e Bilal.

Gaza – Infopal. Ieri, il premier della Striscia di Gaza, Ismail Haniyah, ha invocato una nuova Intifada in Cisgiordania e a Gerusalemme in reazione alla decisione del governo sionista di annettere le moschee di Ibrahim e Bilal in quanto “siti storici ebraici”.

Haniyah ha lanciato l'appello durante un sit-in organizzato dal Consiglio Legislativo Palestinese a Gaza.

Il primo ministro ha poi condannato la scelta dell'Anp di Ramallah di riprendere i negoziati di “pace” con lo stato sionista, nonostante le continue aggressioni e violazioni israeliane dei luoghi santi in Cisgiordania e Gerusalemme.

“L'occupazione è illegale – ha dichiarato Haniyah – e tutto ciò che deriva da essa è illegittimo. Noi non riconosceremo le sue decisioni. Gerusalemme e le moschee di Ibrahim e Bilal sono nostre”.

Articoli correlati:

Pulizia etnica della Palestina: i luoghi santi a Israele.

Al-Barghuthi: 'La decisione di Israele rientra nella politica di giudaizzazione'

L'Onu: 'Le moschee di Abramo e di Bilal sono importanti per ebrei, musulmani e cristiani'

La Lega Araba discute la decisione del governo israeliano di includere le moschee di Abramo e di Bilal nel 'patrimonio ebraico'

Sciopero generale a Betlemme per protestare contro l'inclusione delle moschee di Bilal e Abramo nel 'patrimonio ebraico'

L'inclusione delle moschee di Bilal e di Abramo nel 'patrimonio ebraico' è una violazione del diritto internazionale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.