Il presidente Abbas invita il Consiglio Legislativo a riunirsi, ma Bahar rifiuta.


Il presidente Mahmoud Abbas ha invitato il Consiglio Legislativo a riunirsi per la seconda seduta dall’inizio dell’anno, mercoledì 11 luglio nelle sedi del CLN a Ramallah e a Gaza, in ottemperanza a un decreto presidenziale emesso giovedì scorso.

L’ultima seduta di giovedì scorso è stata boicottata dal gruppo parlamentare di Fatah: Hamas aveva accusato Fatah di voler ostacolare i lavori del CLP e far fallire il dialogo nazionale, che invece avrebbe dovuto essere rilanciato durante i lavori parlamentari.

Da parte sua, la presidenza del Consiglio Legislativo ha confermato che "non permetterà di far manipolare la costituzione palestinese, la Legge base. E ha chiesto al presidente Abbas di rinunciare immediatamente al suo ultimo decreto di modifica della Legge".

Nel comunicato stampa, di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto copia, la presidenza del Consiglio ha spiegato che il decreto presidenziale del 5 luglio scorso, che invita a riunire il Consiglio Legislativo per la seconda seduta annuale, domani, mercoledì, "è privo totalmente di qualsiasi riferimento alla Legge base modificata e al regolamento interno del Consiglio. Qualsiasi decreto che ha forza di legge, emesso dal presidente è un atto incostituzionale, in quanto contraddice le regole dell’articolo 43, che conferma che i decreti presidenziale ‘non devono riguardare le riunione del Consiglio Legislativo’. Dunque, la nuova riunione del Consiglio è irregolare".

Ha inoltre spiegato che il calendario dei lavori, presente nel decreto presidenziale, evidenzia che si deve eleggere una commissione d’ufficio con un voto segreto prima di ogni discussione, e che questa rappresenta "una violazione chiara della costituzione", così come pure "il programma, che vìola il principio di separazione tra le autorità".

La presidenza del Consiglio Legislativo ha confermato di rappresentare la parte incaricata, per legge, ad annunciare l’apertura e la chiusura delle sedute del Consiglio".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.