Il presidente Lula rimuove l’ambasciatore brasiliano in Israele nel contesto di una disputa diplomatica

(Foto archivio: delegazione FEPAL-Brasile).

Brasilia. Il presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, ha rimosso il suo ambasciatore in Israele dal suo incarico e lo ha mandato a ricoprire il ruolo di rappresentante speciale a Ginevra, nel contesto di una disputa diplomatica tra i due Paesi, come ha riportato l’agenzia Reuters mercoledì.

La rimozione di Frederico Meyer arriva pochi mesi dopo che Lula lo aveva richiamato in Brasile. Il richiamo di Meyer ha fatto seguito alla convocazione del ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, che gli ha comunicato che Lula è persona non grata nel Paese.

La mossa di Israele era legata alle dichiarazioni di Lula che paragonava la guerra di Israele a Gaza all’Olocausto.

Da allora Meyer non è più tornato in Israele.

Ora sarà il rappresentante speciale del Brasile presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali a Ginevra.

Secondo la Gazzetta ufficiale, non è stato nominato un sostituto per prestare servizio in Israele. Il ministero degli Esteri brasiliano non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

(Fonti: MEMO, agenzie).