Il progetto della NATO in Turchia servirà a Israele

PressTv. Il capo del “Turkish Felicity party” ha riferito che gli Stati Uniti mirano a servire gli interessi del regime israeliano nel loro piano di stabilire un sistema missilistico in Turchia.

In un’intervista a PressTv, Mustafa Kamalak ha evidenziato come il piano sia ”parte dei tentativi per aumentare le tensioni tra Turchia e Iran”.

Il politico turco afferma che la Turchia non ha bisogno di basi missilistiche: non c’è infatti alcuna minaccia missilistica contro il paese che possa giustificare la creazione di tali basi.

Secondo il Dipartimento di Difesa americano, la base missilistica per l’alleanza militare con la NATO sarà operativa per la fine del 2011.

Il Governo russo è contrario al piano missilistico, in considerazione del fatto che questi razzi, instaurati a poca distanza dal paese, non serviranno alla protezione dell’Europa, ma sono diretti contro la Russia stessa.

La NATO afferma che questi missili saranno utilizzati per impedire attacchi da parte di stati “canaglia”, e il piano proseguirà nonostante le proteste russe.

Kamalak afferma inoltre che questo piano è un modo per iniziare a creare tensioni nel rapporto tra Iran e Turchia.

“Se l’occidente riesce a far scontrare Turchia ed Iran, avrà ottenuto uno dei suoi migliori risultati”, sottolinea il politico.

Kamalak ha commentato la situazione in Siria: secondo lui, un intervento militare in un paese chiave del Medio Oriente farebbe precipitare tutta le regione nella spirale della guerra.

Ha poi aggiunto che l’occidente non dovrebbe interferire con gli affari siriani, che devono essere risolti ”attraverso il dialogo e la cooperazione tra i paesi islamici”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.