Il regime suprematista di Tel Aviv chiude gli uffici gerosolimitani di Al Jazeera

Gerusalemme/al-Quds-InfoPal. La millantata, quanto farlocca “unica democrazia del Medio Oriente”, domenica ha ordinato agli uffici locali della rete di notizie satellitari qatariota Al Jazeera di chiudere dopo mesi di minacce contro il canale da parte del premier Benjamin Netanyahu e dei suoi ministri di estrema destra.

L’ordine israeliano, che prevede la confisca delle apparecchiature di trasmissione, l’impedimento della messa in onda dei servizi giornalistici e il blocco dei suoi siti web, è stato emesso, tra gli sforzi di mediazione in corso da parte del Qatar per porre fine alla guerra nella Striscia di Gaza.

Da parte sua, Al Jazeera ha denunciato con forza la decisione del governo israeliano di chiudere le sue operazioni di informazione in Israele come un “atto criminale” e ha avvertito che la repressione della libertà di stampa da parte del Paese “viola il diritto internazionale e umanitario”.

“Al Jazeera Media Network condanna e denuncia fermamente questo atto criminale che viola i diritti umani e il diritto fondamentale all’accesso alle informazioni. Al Jazeera afferma il diritto di continuare a fornire notizie e informazioni al suo pubblico globale”, ha affermato la rete in una nota, domenica.

“La Rete respinge con veemenza le accuse presentate dalle autorità israeliane secondo cui gli standard dei media professionali sono stati violati. Riafferma il suo fermo impegno nei confronti dei valori incarnati dal suo codice etico”, ha affermato.

La dichiarazione arriva dopo che il gabinetto di Netanyahu ha votato all’unanimità per chiudere le operazioni di Al Jazeera in Israele, settimane dopo che il parlamento israeliano ha approvato una legge che consente la chiusura temporanea delle emittenti straniere considerate una minaccia alla sicurezza nazionale durante la guerra genocida che dura da mesi contro Gaza.

Netanyahu ha annunciato la decisione su X: “Il governo da me presieduto ha deciso all’unanimità: il canale di incitamento Al Jazeera sarà chiuso in Israele”.

A seguito della decisione, la polizia israeliana ha inviato agenti in borghese a fare irruzione nell’ufficio di Al Jazeera nella Gerusalemme occupata.

In un altro post di X, il ministro israeliano delle Comunicazioni, Shlomo Karhi, ha affermato di aver firmato gli ordini contro Al Jazeera, che sarebbero entrati in vigore immediatamente.

La rete ha riportato la guerra israeliana a Gaza ininterrottamente da quando le Brigate al-Qassam di Hamas hanno lanciato la loro operazione transfrontaliera il 7 ottobre 2023 e ha mantenuto una copertura 24 ore su 24 della guerra genocida di Israele contro Gaza che ha ucciso e ferito membri del suo personale.