Il ‘volto di Israele’: palestinese, in marcia non-violenta, ammazzato con lacrimogeno

Ramallah – Agenzie, InfoPal. Il bilancio delle manifestazioni non-violente di ieri, contro Muro d'Apartheid e colonie israeliane, è particolarmente grave.

Oltre dieci manifestanti sono rimasti feriti e intossicati dai gas lacrimogeni lanciati ad altezza uomo dalle forze d'occupazione israeliane. 

Moustafa 'Abdelrazeq at-Tamimi, di 28 anni, è rimasto gravemente ferito in volto nella marcia di Nabi Saleh, ad ovest di Ramallah. Trasferito all'ospedale di Tel Aviv, è morto questa mattina.

Altri feriti e intossicati sono stati soccorsi all'ospedale pubblico di Ramallah; stessa situazione anche a Kafr Qaddoum, dove i palestinesi protestavano per chiedere la riapertura della strada principale del villaggio, chiusa da anni.

E pure a Qalqiliya e Bil'in, dove ieri i presenti celebravano il 24° anniversario della prima Intifada palestinese (1987-1992).

A Betlemme, la manifestazione è stata repressa sul nascere: mentre i manifestanti tentavano di raggiungere il Muro di Annessione sono stati bloccati con la forza da soldati israeliani.

Agenzie:

Imemc

Ma'an

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.