Invasione delle forze israeliana a est di Rafah.

Gaza – Infopal

All’alba di oggi, le forze di occupazione israeliane hanno invaso l’area a est della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Testimoni locali  hanno riferito che diversi bulldozer, carrarmati e altri mezzi blindati sono entrati nel quartiere al-Jaradat, nella città di Rafah, sulla frontiera con l’Egitto, e hanno assaltato e perquisito le case dei cittadini.

I carrarmati si sono posizionati nella zona a sud-est dell’ex aeroporto internazionale.

Le Brigate al-Qassam, ala militare del movimento Hamas, hanno dichiarato di aver colpito due soldati israeliani, di cui uno a bordo di un carrarmato e l’altro appostato sul tetto di una casa.
Le Brigate hanno rivendicato anche il lancio di quattro granate RPG e di altre quattro, durante l’invasione israeliana.

Ieri sera, fonti mediche palestinesi hanno reso noto che tre cittadini palestinesi sono rimasti feriti dai frammenti di un missile terra-terra lanciato da un carrarmato israeliano appostato a nord della Striscia di Gaza.
Il missile è caduto a fianco di una casa vicina alla sede dell’amministrazione civile nella città di Jabaliya. I feriti sono stati trasferiti all’ospedale Kamal Odwan.

Sempre ieri sera, le Brigate al-Quds, ala militare del movimento del Jihad Islamico, e le brigate Abu Ali Mustafa, ala militare del Fronte Popolare Liberazione della Palestina, hanno rivendicato la responsabilità congiunta della detonazione di una carica esplosiva contro una forza speciale israeliana, e dello scontro. L’attacco si è svolto a est della cittadina al-Qarara, nei pressi di Khan Yunes, nel sud della Striscia di Gaza.

Le Brigate al-Quds hanno anche rivendicato il lancio di due missili di tipo “Quds” contro la cittadina israeliana di Sderot.

Fonti dell’esercito di occupazione israeliana hanno ammesso l’attacco missilistico: uno dei razzi ha colpito una casa nella colonia “Nativ Isra”, situata a nord del passaggio di Beit Hanoun, “Eretz”, distruggendola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.