Israele arresta tre leader di Fatah a Gerusalemme

Imemc. Questa mattina, soldati e ufficiali di polizia israeliani hanno fatto irruzione nelle abitazioni di tre leader di Fatah ad al-Quds ash-Sharqiyah (Gerusalemme est), tutti condotti nel centro d'indagine di al-Muskubiyah. 

Si tratta del segretario generale di Fatah a Shaykh Jarrah, as-Suwwana e Wadi al-Joz, Nidal Abu Gharbiyah, il segretario di Beit Hanina, Shufat, al-'Essawiyah, Khaled al-Gharabli e quello dell'area di at-Tour, 'Abdel Salam al-Hibra

In queste ore, i tre leader si trovano ancora sotto interrogatorio e le autorità esecutive israeliane non rilasciano alcuna informazione sul loro conto. 

Dimitri Daliani, membro del Consiglio rivoluzionario di Fatah a Gerusalemme, ha dichiarato che i membri del suo Movimento politico sono nel mirino di Israele in Cisgiordania, soprattutto nella Città santa, aree dove gli episodi di aggressione dei coloni israeliani contro i residenti e proprietà palestinesi sono frequenti. 

Daliani ha aggiunto che, con questa politica, Israele tenta di intimidire i leader politici gerosolimitani, incoraggiando l'escalation di attacchi contro i residenti palestinesi. Inoltre, ha ricordato l'episodio della stessa natura, risalente solo ad una settimana fa, quando soldati israeliani avevano sequestrato Ma'moun al-'Abbasi, membro del consiglio regionale di Fatah e avevano eseguito l'espulsione da Gerusalemme del segretario generale del partito, 'Adnan al-Gheit

A tutto questo, Daliani ha voluto precisare che i palestinesi sono saranno scoraggiati dal continuare a rivendicare i propri legittimi diritti di liberazione e indipendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.